Gruppo di Lavoro per la definizione del Piano degli Interventi per l’Isola Madre

Si è riunito in data 18 gennaio 2018  il Gruppo di Lavoro per la definizione del Piano degli Interventi per l’Isola Madre, per approvare la bozza del Piano degli Interventi predisposta con la supervisione del Responsabile Unico del Contratto Istituzionale di Sviluppo Giampiero Marchesi, il Coordinamento dell’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Taranto Aurelio Di Paola e la partecipazione di tutti gli enti coinvolti tra cui il Comune di Taranto, la Regione Puglia, i Ministeri dei Trasporti, dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare e dei Beni Artistici Culturali e il Turismo, il Commissario per le Bonifiche, la Sovraintendenza per i Beni Artistici e Culturali, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio.

Il documento contiene alcuni aspetti quali l’analisi di contesto socio economico, con le relative misure utili a rendere il programma di riqualificazione dell’Isola Madre efficace a un rilancio della funzione di “motore” di sviluppo turistico culturale sociale ed economico dell’intero capoluogo ionico, i vincoli ambientali ed amministrativi entro cui operare la selezione degli interventi e le cosiddette “invarianti”, ovvero interventi propedeutici la cui realizzazione è imprescindibile per il recupero funzionale dell’isola madre.

Secondo l’Assessore Aurelio di Paola “Il documento contiene gli elementi necessari a operare scelte coerenti sia con la Vision elaborata dal Comune attraverso la consultazione con gli stakeholders qualificati del territorio sia con la strategia posta alla base del concorso internazionale di idee Open Taranto“.

Il piano sarà ora presentato al Ministro per la Coesione ed il Mezzogiorno al prossimo Tavolo Istituzionale definisce il quadro di coerenza per gli interventi che saranno selezionati con le strategie programmatiche dell’amministrazione e con i vincoli esistenti sull’Isola Madre. In tal modo vi sarà quindi una maggiore speditezza in tutte le fasi successive dell’attuazione del piano quali in relazione alle autorizzazioni necessarie alla realizzazione degli interventi e l’erogazione dei fondi.

Il Gruppo di Lavoro ha inoltre deciso di rendere permanente il proprio presidio nella fase di attuazione del piano in maniera da operare come cabina di pilotaggio e mantenere quell’approccio interistituzionale e multidisciplinare necessario a garantire la massima rapidità della sua implementazione.